www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 03/10/2013  -  stampato il 04/12/2016


Rissa nel carcere di Imperia: una decina di detenuti romeni e albanesi, senza feriti tra i poliziotti

Aggressioni in carcere: rissa nel carcere di Imperia tra una decina di detenuti albanesi e romeni.

"Ancora violenza e tensione nelle carceri liguri. Ultimo evento critico, in ordine di tempo, una violenta rissa scoppiata tra detenuti stranieri nel penitenziario di Imperia". E' quanto afferma Roberto Martinelli, segretario generale aggiunto del Sappe, che spiega: "Lunedi' mattina e' scoppiata una rissa nel cortile dell'ora d'aria dove erano presenti diversi detenuti. Si sono affrontati una decina di detenuti, albanesi e rumeni, uno dei quali e' poi dovuto ricorrere alle cure del Pronto Soccorso, dove gli sono stati applicati diversi punti di sutura".

"La rissa, breve ma violenta -prosegue il Sappe- non ha avuto pericolose conseguenze grazie al tempestivo intervento degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio ma testimonia una volta di piu' la tensione che si respira e si vive nelle carceri liguri ed italiane. Cos'altro dovra' accadere o dovra' subire il nostro Personale di Polizia Penitenziaria perche' ci si decida ad intervenire concretamente sulle criticita' di Imperia?".

"La carenza di personale di Polizia Penitenziaria e' imbarazzante -rimarca Martinelli- vi sono in forza 57 poliziotti e dovrebbero essere 78. In piu', proprio recentemente tre colleghi sono stati trasferiti a domanda in altre sedi ma il reparto non e' stato compensato, pur se vi e' stata recentissimamente l'immissione in ruolo di centinaia di neo agenti. Il carcere e' senza direttore titolare, retto provvisoriamente da quello di Sanremo, ed e' perennemente sovraffollato, anche per effetto della soppressione della procura di Sanremo che vede tutti gli arrestati - da Ventimiglia a S. Bartolomeo - confluire nel penitenziario di Imperia".

Adnkronos