www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/10/2013  -  stampato il 04/12/2016


Consegna cocaina al marito detenuto.53enne Arrestata dalla Polizia Penitenziaria

LECCE – Una 53enne di nazionalità spagnola, ma residente a Veglie, si è recata in carcere, ma è finita ai domiciliari. AngelCinofili 1-3a Robles, moglie di A.T., un detenuto vegliese, ha raggiunto l’istituto penitenziario di Borgo San Nicola, dove è stata però scoperta con un involucro contenente cocaina, assieme a una confezione di compresse, quasi certamente psicofarmaci o sostanze derivanti dagli oppiacei. La merce era destinata al coniuge ma gli agenti di Polizia Penitenziaria di Lecce, coordinati dal commissario Riccardo Secci, hanno fermato la responsabile. Da tempo, la coppia di coniugi era sotto la stretta sorveglianza del personale del carcere.

La donna, tempo addietro, era stata sorpresa e deferita all’autorità giudiziaria per aver tentato di introdurre, all’interno della struttura penitenziaria, un flacone contenente metadone. Questa volta, le unità cinofile non le hanno però lasciato scampo e hanno segnalato la presenza si sostanze illecite. Al momento del colloquio con il marito, inoltre, agli agenti non è sfuggito un altro movimento sospetto: con fare repentino, ha ceduto al detenuto un oggetto, estratto dalle tasche di una giacca. Dai controlli eseguiti al termine dell’incontro, i poliziotti hanno rinvenuto il materiale su A.T., il quale lo aveva nascosto in una piega ricavata dagli slip.

Per l’uomo è scattata la denuncia, per la consorte, invece, l’arresto in flagranza di reato con l’accusa di detenzione ai fini spaccio di droga, in ambiente carcerario, su disposizione del pm di turno, Giuseppe Capoccia. Ulteriori controlli eseguiti in casa della 53enne, inoltre, hanno consentito il rinvenimento e il sequestro di una modica quantità di hashish, munizioni pe fucile, armi bianche, bilancini di precisione e soprattutto documenti che confermerebbero il reiterato tentativo dei coniugi di introdurre sostanze stupefacenti.

lecceprima