www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/10/2013  -  stampato il 06/12/2016


Droga nel carcere di Cagliari Ispettore della Polizia Penitenziaria blocca detenuto spazino

Droga nel carcere di Cagliari: detenuti spazzino spacciava droga e altro stupefacente recuperato dai cinofili della Polizia Penitenziaria.

Grazie a un ispettore di Polizia Penitenziaria è stato sequestrato un etto di hascisc che un detenuto addetto alle pulizie nel carcere di Buoncammino aveva raccolto e depositato all'interno della busta dei rifiuti. Qualcuno, dal piazzale esterno che si affaccia su piazza D'Armi, ha lanciato oltre il muro di cinta una calza con un laccio bianco. L'involucro è stato poi raccolto dal detenuto addetto alle pulizie che lo ha depositato nel sacco dei rifiuti. Al rientro nella zona detentiva, il sacco è stato svuotato e la droga recuperata. Per il detenuto il direttore Gianfranco Pala ha disposto 15 giorni di isolamento e la rimozione dall'incarico di spazzino.

Che la droga nel carcere cagliaritano circoli con facilità emerge anche da un'operazione effettuata dai cinofili della Polizia Penitenziaria. Il 17 ottobre, gli agenti e i cani Badiane (pastore belga malinois) e Lorenza (dobermann) hanno effettuato un blitz nelle celle dell'istituto di pena. Nel braccio destro, con i detenuti fuori dalle celle per la perquisizione, uno di loro (un cagliaritano di 23 anni, in cella per spaccio e che finirà di scontare la pena nel 2015) ha cercato di ingoiare un ovulo. La mossa non è sfuggita a un poliziotto che è riuscito a far sputare l'involucro. Aperto, all'interno sono state trovate sette dosi di hascisc. Anche per il giovane, che ha ammesso le sue responsabilità, è scattata la denuncia e l'isolamento per 15 giorni.

droghe.aduc.it