www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/10/2013  -  stampato il 09/12/2016


Arrestato un docente del carcere di Alghero: avrebbe favorito la tentata evasione di tre albanesi

ALGHERO - Le indagini avviate in seguito alla tentata evasione dal carcere di Alghero nel gennaio scorso di tre detenuti albanesi hanno portato ad una ordinanza di custodia cautelare eseguita questa mattina dal Reparto di Polizia Penitenziaria della Casa Circondariale di Alghero e la Polizia di Stato cittadina. In manette è finito un 42enne algherese, Giovanni Pirisi, docente nella stessa struttura, accusato di favoreggiamento e di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio. Ora si trova a San Sebastiano, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

I fatti e lo svolgimento delle indagini sono state illustrate in un conferenza stampa dal dirigente del Commissariato Valter Cossu, il responsabile della Penitenziaria Antonello Brancati, e la direttrice del carcere, la dottoressa Milanesi. Il 14 gennaio di quest'anno tre cittadini albanesi, un 30enne, un 26enne, un 47enne, venivano sorpresi dalla Polizia Penitenziaria durante un tentativo di evasione e bloccati sulle mura di cinta mentre tentavano di scendere con l’ausilio di una corda di fortuna. Da quel momento sono subito partite le indagini congiunte della squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato e il reparto di Polizia Penitenziaria, con il coordinamento del Pubblico Ministero Loris.

La ricostruzione degli eventi ha permesso di tracciare la dinamica del tentativo: i detenuti erano riusciti a forzare le sbarre di sicurezza della cella avvalendosi di arnesi da scasso ed acidi, con un complice che li aspettava a bordo di un’auto. Nella ricerca dell’anello di congiunzione tra gli strumenti usati per il tentativo di fuga ed il suo fornitore, le ricerche si sono strette intorno alla figura di Pirisi, insegnante di cucina nella scuola e coordinatore del progetto di formazione dei detenuti. L’insegnante, sfruttando la propria posizione, dietro compenso - inferiore ai mille euro - pattuito con il complice straniero esterno alla struttura penitenziaria, aveva introdotto in carcere gli strumenti necessari alla fuga. I sospetti degli agenti hanno trovato riscontro nelle frequentazioni del professore nella sua vita privata, vicine sia ai familiari e amici dei detenuti, sia allo stesso complice. Sul proseguo dell'attività scolastica che coinvolge una cinquantina di studenti-detenuti, la direttrice non ha dubbi: «l'episodio è spiacevole umanamente e professionalmente, ma il carcere di Alghero resterà giustamente famoso per la vocazione al recupero».

alguer

Tentativo di evasione al carcere di Alghero, Capo DAP: compiacimento intervento della Polizia