www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/10/2013  -  stampato il 04/12/2016


L'ex Ministro Gasparri visita il carcere di Poggioreale

Prima di incontrare gli agenti della Polizia Penitenziaria all'interno del carcere di Poggioreale, il vicepresidente al senato Maurizio Gasparri non si è sottratto alle domande dei giornalisti. In particolare Gasparri prima di raggiungere la Sappe, le sigle sindacali della penitenziaria, ha incontrato il Presidente della Campania Stefano Caldoro, con cui ha discusso del futuro del Partito:”Con Caldoro siamo pienamente d'accordo nell'impegnarci per la massima unità del nostro Partito. In questi giorni io, Caldoro, Matteoli e Paolo Romano stiamo operando e continueremo a farlo con grande intensità”. Sulla nuova situazione di forza Italia ha spiegato:”Non si può disperdere un patrimonio di consenso. Bisogna sostenere Silvio Berlusconi, soprattutto ora in un momento di aggressione fortissima, che viene anche da questa città”. Il vicepresidente del senato si è soffermato sulla situazione all'interno del Partito:”Dividere il centrodestra sarebbe una follia – ha chiarito - Io sono convinto che anche Alfano converrà su questa scelta. Noi abbiamo sicuramente una forza tutti insieme per agire. Mi riferisco anche a personalità importanti come il vicepresidente della Commissione europea Tagliani".

"Garantire massima unità - ha continuato Gasparri - come ci chiedono gli elettori”. Su Forza Italia Gasparri ha così ricordato la sua posizione iniziale:”In una riunione che si fece mesi fa espressi dei dubbi, però ero uno su 25. Alfano, Cicchitto, Schifani, Lorenzin e tanti altri erano d'accordo. Io presi atto che ero uno su 25 e non potevo cambiare il mondo. Oggi non ci si deve tanto soffermare sui nomi, ma piuttosto sulla natura del Partito. Garantire il rispetto di merito, partecipazione, apertura alla società civile. Il primo dovere – ha poi concluso Gasparri - sarà quello di rappresentare i milioni di elettori che con Berlusconi e con la nostra realtà politica ci hanno dato ampio consenso. La leadership di Berlusconi non viene contestata e lui vorrà tenere tutte le forze unite”.

il velino