www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/11/2013  -  stampato il 06/12/2016


Tamburino entusiasta: numero verde per i detenuti sarebbe un'ottima idea

"La proposta di istituire un numero verde troverebbe piena accoglienza da parte del Dap". Lo assicura il capo del dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, Giovanni Tamburino, interpellato dall'Adnkronos sull'ipotesi di un sistema per raccogliere le segnalazioni sui detenuti in difficoltà. "Non è una cattiva idea", ha detto oggi il Guardasigilli, Annamaria Cancellieri, rispondendo alla sollecitazione del segretario del Pd, Guglielmo Epifani.

"Sarebbe un'iniziativa sperimentale - spiega Tamburino - e dovremmo valutarla con attenzione per verificare tutte le condizioni. Una volta accertato che vengano evitati eccessi e segnalazioni strumentali o non fondate, anche lo strumento del numero verde può essere sicuramente un valido aiuto per la conoscenza della realtà. Ma mi preme precisare - rimarca - che il Dap questi interventi li fa sempre e comunque".

"Già in un incontro una decina di giorni fa a Regina Coeli - sottolinea il capo del Dap - con le associazioni che si interessano di volontariato e carcere, avevo lanciato l'idea di un numero verde nazionale. Anzi - aggiunge Tamburino - potrebbe essere gestito dai call center nei quali lavorano assai bene i detenuti.

Un call center è presente a Bollate, ma ce ne sono altri a Rebibbia e Padova, e alcune di queste realtà che sono anche un modello di buone pratiche, svolge attività delicate come quella di prendere appuntamenti per visite ospedaliere. I risultati sono straordinari".

Adnkronos

Cancellieri: pensiamo a numero verde per le segnalazioni dei detenuti