www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/11/2013  -  stampato il 07/12/2016


Niente telefonata in pił come da regolamento e detenuto aggredisce Poliziotto penitenziario

Pare che il recluso si fosse voluto "vendicare" del fatto che l'agente non gli avesse fatto fare un'ulteriore telefonata ai familiari al termine del tempo consentito. Nell'udienza del 25 giugno l'imputato racconterà la propria versione.

Nel carcere di Sanremo in media ogni settimana si verificano tre aggressioni. Sempre più spesso i detenuti mostrano segni di insofferenza nei confronti degli agenti penitenziari. Ieri in Tribunale a Imperia è comparso, accusato di oltraggio, minacce e lesioni, il tunisino Mohammed Bouhoud. L'agente Umberto Mariani era stato minacciato e ferito mentre si trovava con l'imputato.

Pare che il recluso si fosse voluto "vendicare" del fatto che l'agente non gli avesse fatto fare un'ulteriore telefonata ai familiari al termine del tempo consentito. Nell'udienza del 25 giugno l'imputato racconterà la propria versione.

La Stampa