www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/12/2013  -  stampato il 09/12/2016


L'eroe di Como che ha salvato il bimbo caduto: "ho fatto quello che si doveva fare"

«Il destino, forse Dio, mi ha fatto passare da quella strada a quell'ora. Così ho deciso che dovevo stare lì, fino alla fine, come se obbedissi a una voce dentro di me...». Luigi Barbanera, 45 anni, sposato e padre di due figli, assistente di Polizia Penitenziaria nel carcere di Como, si è trovato più volte in brutte situazioni ma giura che questa è stata la peggiore di tutte: ieri pomeriggio ha salvato, prendendolo al volo, un bimbo di nemmeno due anni precipitato da una finestra della sua casa al secondo piano.

Luigi Barbanera -  Polizia Penitenziaria

Luigi Barbanera (foto Cusa)

«Ho ancora lo stomaco sottosopra per quello che è successo» racconta nella sua abitazione, a Cantù, dove è accaduto il fatto. Il caso, la prontezza di riflessi, lo slancio generoso: c'è tutto in questa storia che è a lieto fine perché il bimbo non si è fatto quasi nulla e l'agente ha solo un polso dolorante. Il caso innanzitutto: «Poco dopo le 14, mentre rientravo a casa dal lavoro, mia moglie mi ha chiesto di fare un bancomat ed è per quello che mi sono trovato nel traffico del centro, in via Milano». Fermo a un semaforo in auto, Barbanera vede davanti a sé una donna che invoca aiuto disperata: agita un telefonino nel tentativo di comporre un numero ma è in preda al panico e l'apparecchio le sfugge di mano.

«Ho mollato l'auto e sono sceso convinto di dover prestare aiuto alla donna, ma questa guardava verso l'alto. E lì ho capito tutto: in piedi sul davanzale di una finestra al secondo piano c'era un bimbo: piangeva disperato, era paralizzato dal terrore, chiamava la mamma». La mamma, una donna nigeriana, era uscita per stendere il bucato e aveva lasciato il piccolo, Ryan, che compirà 2 anni a gennaio, solo per una manciata di minuti. Ryan era salito sulla finestra per gioco e le ante gli si sono chiuse alle spalle lasciandolo lì, intrappolato a sei metri di altezza.

«Ho capito che il piccolo prima o poi sarebbe caduto e mi sono detto che toccava a me prenderlo - racconta ancora Luigi - mi sono piazzato sotto la finestra; per tanti anni ho giocato come portiere a calcio e chissà, anche quell'esperienza mi ha aiutato, ho chiesto a chi stava attorno di chiamare l'ambulanza e ho atteso immobile. Se devo dire la verità, in quel momento mi sentivo del tutto impotente, non sapevo nemmeno io cosa avrei fatto. Sono passati cinque minuti prima che vedessi il bimbo muovere la gamba in avanti per la stanchezza e precipitare...».

Un volo d'angelo, Luigi si è mosso d'istinto e ha attutito la caduta sull'asfalto: «L'ho preso proprio al volo, il bambino ha battuto il viso contro la mia spalla e ha perso un po' di sangue. Siamo caduti per terra tutti e due, poi non ricordo molto se non una gran confusione attorno a me. È arrivata la mamma, mi ha abbracciato e ringraziato, piangeva anche lei».

E lui l'eroe per caso, che cosa ha fatto? «Non sono nemmeno andato in ospedale, anche se la mano mi duole un po'. Sono tornato a casa, credo di aver fatto quello che si doveva. Però, a ripensarci ora, che spavento».

milano.corriere.it/

Bimbo cade dal secondo piano, Poliziotto Penitenziario lo prende al volo e lo salva