www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 02/07/2010  -  stampato il 08/12/2016


Le Fiamme Azzurre promuovono gli sport invernali

Non era uno slogan privo di significato o di pura facciata, quello lanciato nel nuovo quadriennio dal Gruppo Sportivo della Polizia penitenziaria: “Fiamme Azzurre, al servizio dello sport”. Una conferma è arrivata dall’accordo concluso con la Federazione Italiana Sport Invernali da vari sodalizi espressione delle Forze Armate o dei Corpi di Polizia, iniziativa nella quale le Fiamme Azzurre hanno recitato un ruolo determinante. Una fase di accelerazione nella politica federale, determinata anche dai risultati non certo lusinghieri ottenuti dalle discipline della neve ai Giochi invernali di Vancouver 2010: e l’obiettivo di risalire la china in primo luogo facendo affidamento sulla razionalizzazione delle risorse a disposizione.
Le Fiamme Azzurre hanno puntato con decisione sulla funzione di supporto alle specialità del bob e dello skeleton, nelle quali le nostre strutture possono già contare su professionalità ed esperienza sul piano tecnico e organizzativo. Non per niente il contributo offerto nelle ultime stagioni all’organizzazione dei campionati tricolori di skeleton ha mostrato la qualità e l’impegno di cui siamo capaci.
Gli obiettivi da perseguire nell’ambito del progetto “Insieme con la Fisi” riguardano sia l’aspetto logistico legato allo svolgimento di raduni tecnici – a disposizione le foresterie e gli impianti presso le scuole di formazione di Parma, Roma, Cairo Montenotte e Catania, nonché le strutture sociali di Casal del Marmo – sia una più generale funzione di supporto per l’attività federale nel suo complesso. Perché l’appuntamento di Sochi 2014 è più vicino di quanto possa sembrare.