www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 17/12/2013  -  stampato il 04/12/2016


Omicidio-suicidio Torino: all'origine un equivoco su rapporto disciplinare

Pensava gli fosse stato fatto un torto sul lavoro. Per questo l'agente di Polizia Penitenziaria Giuseppe Capitano questa mattina avrebbe sparato due colpi di pistola all'ispettore Giampaolo Melis, uccidendolo, prima di togliersi la vita.

Lo si apprende da fonti vicine alla procura di Torino. A quanto si apprende si sarebbe trattato di un equivoco lavorativo, che pare non avesse alcun fondamento.

Da quanto risulta l'agente non aveva provvedimenti disciplinare in corso ne' altri tipi di problemi. Il pm Cesare Parodi, che sta seguendo la vicenda, non ha ritenuto necessario disporre l'autopsia e al piu' presto le salme verranno messe a disposizione della famiglia.

torino.repubblica.it