www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/12/2013  -  stampato il 10/12/2016


Salvatore Mazzeo verso un probabile trasferimento: il Direttore del Carcere di Genova Marassi dove era Gagliano

Si profila intanto il trasferimento di Salvatore Mazzeo, il direttore del carcere di Genova Marassi dal quale Bartolomeo Gagliano aveva ottenuto il permesso premio. Dopo le dichiarazioni rilasciate all'indomani dell'evasione del serial killer, il Dap, Dipartimento aministrazione penitanziaria, pare stia diponendo lo spostamento del direttore della casa circondariale presso il Provveditorato regionale per la Liguria dell'Amministrazione Penitenziaria (ascolta il direttore del carcere).

In mattinata, il Guardasigilli aveva chiarito come l'amministrazione carceraria e i magistrati di sorveglianza conosceressero tutti i dettagli del fascicolo giudiziario dell'uomo.

Salvatore Mazzeo, dopo il mancato rientro in cella del killer, aveva dichiarato di non sapere che Bartolomeo Gagliano "aveva quei precedenti penali. Per noi era un rapinatore". Il direttore del carcere genovese aveva spiegato: "Abbiamo valutato Gagliano in base al fascicolo di reato per cui era detenuto, che risale al 2006 e lo indica come rapinatore. Anche il magistrato di sorveglianza che ha firmato le ordinanze per i permessi - ha aggiunto il direttore del carcere - a quanto mi risulta ha valutato il profilo del detenuto sulla base di quel fascicolo, in cui sono indicati diversi reati ma non quelli di cui si parla oggi".

La Cancellieri ha annunciato come l'indagine del ministero voglia "sgombrare il campo dall'equivoco ingenerato dalle prime dichiarazioni rese dal direttore del carcere di Marassi, che sembrava sostenere che il carcere non aveva avuto conoscenza dell'intera storia criminale del detenuto": ciò, ha rilevato Cancellieri, è smentito "dalla corrispondenza intercorsa tra la direzione del carcere e la magistratura di sorveglianza. Il giudice di sorveglianza, dunque, ha concesso il permesso sulla base di tutti gli elementi di conoscenza che erano necessari al fine di adottare quella delicata decisione, stando alle risultanze sin ad ora acquisite".

Repubblica.it