www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/01/2014  -  stampato il 10/12/2016


Detenuto brucia materassi: tre Poliziotti penitenziari intossicati a Bologna

"Questa mattina, nel carcere bolognese della Dozza un detenuto extracomunitario ha dato fuoco alla cella, dalla quale in pochi minuti si sono propagate le fiamme e una folta coltre di fumo, derivante dai materassi di spugna che bruciavano. I tre agenti intervenuti per trarre in salvo l'uomo sono rimasti intossicati, sembrerebbe in maniera non grave, anche se sono in corso gli accertamenti in ospedale". è quanto affermano, in una nota, Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe, e Francesco Campobasso, segretario regionale dello stesso sindacato dei baschi azzurri.

In Emilia Romagna, ricorda il Sappe, "i detenuti presenti al 31 dicembre 2013 erano 3.687, per una capienza regolamentare di 2.390 posti. Sono 1.950 gli stranieri presenti, 686 sono in attesa di primo giudizio, 351 gli appellanti, 270 i ricorrenti in Cassazione, 67 sono in posizione mista, poiché hanno in corso piu' procedimenti. I detenuti assegnati ai domiciliari, per effetto della legge 199/2010, successivamente modificata e prorogata, in Emilia Romagna sono stati 406, dei quali 201 stranieri e 40 donne". "A livello nazionale -sottolineano ancora Durante e Campobasso- sono stati 13.044, dei quali 3791 stranieri, a testimonianza del fatto che la detenzione domiciliare funziona molto di meno con gli stranieri, la maggior parte dei quali non hanno un domicilio".

Nella prima settimana di febbraio i vertici nazionali del Sappe, con il segretario generale Donato Capece e il segretario generale aggiunto Giovanni Battista Durante, visiteranno gli istituti di Parma, Reggio Emilia e Modena.

Adnkronos