www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/01/2014  -  stampato il 04/12/2016


Sappe: impiegare detenuti in lavori di pubblica utilia'

Impiegare i detenuti non pericolosi, compresi quelli già destinatari di misure alternative, nelle attività di pubblica utilità. E' la proposta lanciata dal segretario regionale del Sappe, Francesco Campobasso, a seguito dell'alluvione verificatasi a Modena e sulla scorta di quanto già avvenuto in occasione del sisma del 2012. "Nei giorni scorsi infatti - precisa Campobasso - un consistente numero di poliziotti penitenziari si è adoperato per aiutare i colleghi colpiti dall'evento meteorologico".

Il segretario regionale del sindacato di Polizia Penitenziaria sottolinea inoltre che: "tale proposta richiama i contenuti dell'intesa sottoscritta tra l'Anci (associazione comuni italiani), ministero della Giustizia e Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, che consente, appunto, a determinate categorie di detenuti, di accedere ai lavori esterni di pubblica utilità, come pulizia dei parchi e delle strade". "Riteniamo tale iniziativa di grande interesse, anche nell'ottica delle attività di reinserimento sociale dei detenuti" conclude Campobasso.
 
Adnkronos