www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 03/02/2014  -  stampato il 25/05/2017


Assalto al furgone Penitenziaria: morto uno degli assalitori, fratello dell'evaso

Secondo una prima ricostruzione, l’ergastolano viaggiava a bordo del mezzo della penitenziaria, scortato da quattro agenti, per essere condotto dal carcere di Busto Arsizio al tribunale di Gallarate, dove doveva prender parte ad un processo per emissione di assegni falsi. Al suo arrivo la scorta è stata aggredita da due banditi che, insieme ad altri complici, giunti a bordo di una Volkswagen Polo nera, prendendo in ostaggio un cittadino, hanno intimato agli agenti di lasciare le armi a terra. In tal modo hanno liberato Cutrì, facendolo scappare. Ma i poliziotti hanno reagito e sparato. Una quindicina i colpi esplosi da entrambe le parti, con i banditi che hanno utilizzato anche dello spray al peperoncino contro gli agenti. Il commando è riuscito a fuggire ma, poco dopo, ha abbandonato il corpo di Antonio Cutrì, ferito dai proiettili, davanti all’ospedale di Magenta.

Cutrì è stato rinchiuso fino a 2013 nel carcere di Saluzzo, poi trasferito poiché una fonte confidenziale aveva rivelato un tentativo di evasione per farlo scappare. Nel dicembre del 2012 era stato condannato all’ergastolo come mandante dell’omicidio di Lukacs Kobrzeniecki, un 22enne polacco freddato a Trecate nella notte fra il 15 e il 16 giugno del 2006. L’operaio vittima dell’agguato fu ucciso mentre tornava a casa sua dopo una serata al bar con gli amici. Movente la gelosia, per via di un apprezzamento fatto dal giovane straniero alla donna del calabrese. Sono in corso le ricerche in tutta la provincia di Varese e in quelle limitrofe.

I due agenti di polizia che hanno subito ferite lievi sonostati ricoverati per accertamenti al pronto soccorso dell'ospedale di Gallarate. C'è stata una sparatoria ma, secondo le ricostruzioni, le ferite non sono provocate da colpi d'arma da fuoco. Infatti gli assalitori hanno aggredito gli agenti mentre stavano per uscire dal tribunale di Gallarate, favorendo la fuga del complice. Uno dei due agenti, spinto dalle scale ha riportato un trauma cranico. L'altro ha dei problemi agli occhi perché i malviventi hanno usato uno spray urticante.

repubblicca.it - pupia.tv