www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 13/02/2014  -  stampato il 03/12/2016


Braccialetto elettronico: tunisino lo rompe ed evade dalgi arresti domiciliari a Prato

Un tunisino di 43 anni, a cui era stato applicato il braccialetto elettronico a Prato, se lo è strappato e si è allontanato dall'abitazione dove era agli arresti domiciliari. Questo quanto si apprende dai carabinieri che lo stanno ricercando. Il tunisino è stato uno dei primi in Italia al quale è stato applicato il dispositivo per il controllo a distanza.

Se il detenuto danneggia il braccialetto o la centralina a cui è collegato, scatta subito l'allarme alla centrale operativa delle forze dell'ordine. L'allarme nel caso del detenuto a Prato, è scattato nella tarda mattinata di ieri e quando i carabinieri sono arrivati sul posto del detenuto non c'era più traccia.

ANSA