www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/03/2014  -  stampato il 23/01/2017


Procuratore Salvi, eliminato sovraffollamento nel carcere di 'Piazza Lanza' Catania

"Io sono orgoglioso del lavoro che abbiamo fatto qui a Catania sulle carceri perché penso che in qualche maniera dia indicazioni su ciò che si potrebbe fare. Abbiamo completamente eliminato il sovraffollamento del carcere di Piazza Lanza. Il Dap ha chiuso il famigerato 'Nicito', il reparto di isolamento indegno di un paese civile e posso anticipare che nelle prossime settimane verrà aperto il nuovo reparto, degno dell'Italia e dell'Europa".

Lo ha detto il procuratore capo di Catania, Giovanni Salvi, durante una intervista rilasciata a Radio Radicale che andrà in onda questa sera durante lo 'Speciale Giustizia'. "Abbiamo eliminato il sovraffollamento - ha aggiunto- impedendo la possibilità che vi siano detenzioni brevi. Nel novembre del 2011 nel carcere di Piazza Lanza c'erano 1003 detenuti che in un anno erano stati detenuti per meno di cinque giorni. Nel 2013 sono 340". "Complessivamente - ha osservato il procuratore Salvi- abbiamo abbattuto gli ingressi di 'bassa sicurezza' di circa la metà. Da 2360 detenuti circa ad oltre 1200.

Abbiamo, quindi, pressoché dimezzato gli ingressi in carcere per la 'bassa sicurezza' e nello stesso tempo abbiamo aumentato gli ingressi della 'alta e media sicurezza', ovvero di coloro che effettivamente in carcere e' bene che ci vadano". "Questo, innanzitutto - ha concluso- e' il segnale di un lavoro che si può fare. Questa combinazione di iniziative insieme al Dap ha consentito condizioni migliori e più spazi diminuendo il numero dei detenuti".

larepubblica