www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 19/04/2014  -  stampato il 06/12/2016


Furgone della Polizia Penitenziaria si ribalta sulla Salerno Reggio Calabria: quattro Agenti feriti

Quattro agenti di Polizia Penitenziaria sono rimasti feriti, ieri sera, intorno alle 20, in seguito a un incidente che ha coinvolto il mezzo impiegato per il trasferimento di detenuti sul quale viaggiavano sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria. L’automezzo di una scorta rientrava alla casa di reclusione di Rossano, in provincia di Cosenza, dopo aver effettuato un servizio in Sicilia.

Quando è giunto all’altezza dello svincolo di "Altilia-Grimaldi", sembra per lo scoppio di uno pneumatico, l’automezzo si è ribaltato. Gli operatori della Polizia Penitenziaria hanno riportato diversi traumi e contusioni con prognosi da 7 a 10 giorni. Due degli agenti sono stati portati all’ospedale di Cosenza per essere curati. Uno di loro ha avuto cinque punti di sutura alla testa.

"Due degli agenti sono stati portati all'ospedale di Cosenza per essere curati. Uno di loro ha avuto cinque punti di sutura alla testa". Arriva da Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto del Sappe e Damiano Bellucci, segretario nazionale dello stesso sindacato dei baschi azzurri, il bollettino dell'incidente avvenuto ieri sera sull'autostrada A3, all'altezza di Altilia Grimaldi, quando un furgone della Polizia Penitenziaria, con a bordo quattro agenti di ritorno dalla Sicilia e diretto a Rossano, "e' sbandato a causa dello scoppio di un pneumatico, ed è' finito contro il guard rail".

"La situazione in Calabria e' sempre più drammatica -sottolinea il Sappe- a causa della carenza di risorse, di mezzi e uomini, ma anche dell'abbandono in cui versa il personale di Polizia Penitenziaria. A Rossano, per esempio, ci è e' stato riferito che ieri mancavano 21 agenti, tre di quelli in servizio sono stati costretti a fare doppio turno, dalle 8 alle 20 e altri sono stati richiamati dalle ferie. Tutto questo a causa dell'inadeguatezza gestionale del vertice della Polizia Penitenziaria".

"I servizi non funzionano -rimarcano Durante e Bellucci- e nessuno prende provvedimenti adeguati. Riteniamo sia giunto il momento di procedere all'avvicendamento di chi esercita il comando, per l'inadeguatezza dimostrata".

liberoquotidiano.it