www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/04/2014  -  stampato il 05/12/2016


Monastir, Il centro immigrati dall'aeroporto di Elmas alla scuola di Polizia Penitenziaria

L'indiscrezione sarebbe emersa in occasione del sopralluogo effettuato lo scorso 3 aprile dal Prefetto di Cagliari presso la Scuola di Polizia Penitenziaria di Monastir: i sindacati regionali del Comparto Sicurezza e Ministeri, hanno preso atto della volontà di quest’ultimo di trasferire a Monastir il Cpsa/Cara di Elmas e dei contatti intercorsi tra lo stesso Prefetto ed i vertici dell’Amministrazione Penitenziaria per le relative autorizzazioni. L'attuale posizione crea disagi soprattutto all'aeroporto: la fuga di alcuni migranti in passato ha causato il blocco delle piste di atterraggio, come avvenuto lo scorso 18 dicembre.

Dalle otto sigle sindacali arriva una ferma contrarietà perchè Monastir "rappresenta l’unico polo formativo a carattere residenziale, per tutti i profili dell’Amministrazione Penitenziaria della Sardegna (personale di Polizia Penitenziaria, Dirigenza e personale Comparto Ministeri) oltre ad essere l’unico centro di addestramento e formazione all’uso delle armi, per tutto il personale di Polizia Penitenziaria della Regione e rappresenta una base logistica di supporto per il nuovo complesso Penitenziario di Cagliari –Uta".

"Si rappresenta inoltre - scrivono i sindacati in una nota - la preoccupazione espressa dalla cittadinanza dei paesi limitrofi, delle attività commerciali e industriali insistenti in prossimità della struttura, per le inevitabili negative ricadute all’economia, alla sicurezza ed all’ordine pubblico che implicherebbe l’istituzione di un centro di accoglienza". Il nove maggio si terrà un sit-in di protesta di fronte la Scuola di Polizia Penitenziaria di Monastir.

sardegnaoggi