www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 05/05/2014  -  stampato il 06/12/2016


Infortuni: 'Sicurimpariamo' al carcere minorile di Torino, progetto da estendere

Estendere il progetto 'Sicurimpariamo', iniziativa sulla sicurezza del Lavoro portata avanti negli ultimi due anni al carcere minorile Ferrante Aporti di Torino, anche ad altri istituti penitenziari. E' l'intenzione con cui oggi, in prefettura a Torino, è stato fatto il punto sul progetto partito nel 2012 e realizzato dal Comitato permanente Salute e sicurezza sul Lavoro, coordinato dal vice prefetto Maurizio Gatto.

Presente anche il prefetto Paola Basilone che ha espresso la speranza che "questo diventi un modello strutturale e possa essere allargato". In questi due anni "per la prima volta in Italia - ha sottolineato il vice prefetto Gatto - è stato realizzato nell'istituto un percorso informativo/formativo rivolto a tutti gli operatori (agenti di Polizia Penitenziaria, personale amministrativo, educatori, volontari, ecc.) allo scopo di fornire loro gli strumenti necessari per operare con i giovani 'ospiti' della struttura, educandoli alla cultura della sicurezza, attraverso l'acquisizione della consapevolezza del pericolo e del rischio nei luoghi di vita e di lavoro".

Nel carcere è così nato il primo "Circolo della salute e della sicurezza", cui è affidato il compito di programmare stabilmente attività di promozione della salute e della sicurezza all'interno della struttura. Il progetto è stato co-finanziato dall'Inail, con la collaborazione dell'Istituto Comprensivo Statale "Sidoli" di Torino e di Sicurezza e Lavoro.

liberoquotidiano