www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 16/05/2014  -  stampato il 08/12/2016


Il 23 maggio chiude il carcere di Modica: forse sarÓ convertito in custodia attenuata

La data è ormai ufficiale. La casa circondariale di Piano del Gesù (foto) chiude ufficialmente venerdì 23. La comunicazione è arrivata dal Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria ed entro quel giorno i trasferimenti di personale e detenuti deve essere completato. Da qualche giorno tuttavia qualche trasferimento di detenuti è cominciato e nessun altro "ospite" è stato accolto nella struttura di Modica Alta. C´è tuttavia un barlume di speranza per il carcere di Modica come rilancia il segretario provinciale della Cgil, Giovanni Avola, che fa appello a tutti e nove i parlamentari iblei.

In questi giorni infatti è in discussione alla Camera un progetto di legge volto a trasformare la Casa circondariale modicana in "Istituto di custodia attenuata". Potrebbe essere una strada per salvare l´istituzione e rendere inoltre un servizio a tutta la comunità. Dice Giovanni Avola: "Si sta consumando nell’indifferenza di tutti i soggetti istituzionali l’ennesima spoliazione del nostro territorio: la chiusura del carcere di Modica e il relativo trasferimento dei detenuti al già saturo carcere di Ragusa e ad altre carceri della Sicilia.

E´ una scelta che ignora l’emergenza sbarchi sulle nostre coste e che determina l’arresto di decine di scafisti che per competenza territoriale vengono trasferiti nel carcere di Ragusa. Una scelta che ignora i rigidi parametri della cosiddetta sentenza Torregiani che hanno portato alla chiusura per inidoneità dei reparti di minorati psichici e femminile al carcere di Ragusa, struttura sprovvista di docce all’interno delle camere di pernottamento. C´è troppa fretta di chiudere il carcere di Modica forse perchè si teme che possa accadere quel che è avvenuto per il carcere di Nicosia che è stato salvato da una telefonata in extremis dell’allora ministro Cancellieri?"

corrierediragusa.it