www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/05/2014  -  stampato il 21/09/2017


Catturato in un campo nomadi dalla Polizia Penitenziaria il detenuto evaso da permesso premio

E' stato riacciuffato dagli uomini della Polizia Penitenziaria, in un campo nomadi di Milano, il detenuto straniero che non aveva fatto rientro nel carcere di Bollate durante la frequenza di un corso di formazione professionale. Ne da notizia il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

"Nell'immediatezza dell'evento critico -spiega Donato Capece, segretario generale del Sappe- i poliziotti penitenziari di Bollate si sono subito attivati per mettersi sulle tracce del fuggitivo. Una attenta attività info-investigativa ha permesso agli uomini del V^ Reparto di Polizia Penitenziaria del carcere di catturarlo in un campo nomadi del Milanese".

A loro, dice Donato Capece, segretario generale del Sappe "va il mio apprezzamento per l'importante risultato ottenuto, che conferma la professionalità, lo spirito di iniziativa e le capacità operative ed investigative dei Baschi Azzurri della Penitenziaria. Questo conferma una volta di più, se mai ve ne fosse bisogno, la peculiarità della Polizia Penitenziaria, Corpo di Polizia dello Stato che con l'attenta vigilanza esercitata ogni giorno nelle sezioni detentive delle carceri dalle donne e dagli uomini che ad esso appartengono acquisisce una conoscenza profonda dei detenuti e del loro tessuto familiare e sociale".

Sappe Informa