www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/08/2010  -  stampato il 11/12/2016


Sollicciano, agenti di Polizia Penitenziaria sventano evasione

"Ancora una volta, solamente grazie alla professionalita', alle capacita' ed all'attenzione del Personale di Polizia Penitenziaria, e' stata impedita l'evasione di un detenuto da un carcere italiano. E' accaduto alle 13.30, a Firenze Sollicciano, dove un detenuto comune italiano, B.A. di 28 anni, che aveva terminato il colloquio con un familiare, si e' mischiato alle persone ammesse ai colloqui nell'area verde del carcere ed ha tentato di scavalcare l'inferriata esterna che delimita il perimetro del penitenziario. Area verde, e' opportuno ricordarlo, che venne attivata senza alcun incremento di Personale di Polizia e contro il parere del Sappe". Lo riferisce Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. Capece racconta come il detenuto "e' stato pero' immediatamente fermato dai nostri bravi ed attenti agenti intervenuti tempestivamente. Bravissimi i colleghi di Firenze Sollicciano, che lavorano costantemente in condizioni difficili: basti pensare che i detenuti oggi presenti a Sollicciano sono 1.011, di cui 885 uomini e 126 donne, a fronte di 521 posti letto regolamentari, e gli agenti di Polizia Penitenziaria, che dovrebbero essere 692, sono invece circa 480. Ben 212 Baschi Azzurri in meno! Questo grave episodio, che avviene dopo le evasioni di Lecco e Pisa ed il tentativo di ieri nel carcere minorile di Milano Beccaria, conferma ancora una volta le gravi criticita' del sistema carcere".

Fonte: Adnkronos