www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 01/08/2010  -  stampato il 03/12/2016


Trapani, aggrediti 5 poliziotti penitenziari

Cinque poliziotti penitenziari sono rimasti fertiti nel carcere di Trapani dopo essere stati aggrediti dai detenuti.Secondo la ricostruzione dei fatti, il personale di polizia penitenziaria in servizio presso il Reparto Mediterraneo e' stato provocato e aggredito da due fratelli, detenuti comuni di origine napoletana. Gli episodi si sono verificati a distanza di pochi minuti l'uno dall'altro "e hanno come denominatore comune - spiega il Sappe - i problemi legati al sovraffollamento delle celle che rende difficile la convivenza tra detenuti". Durante il tentativo di persuadere il detenuto dal desistere dalle azioni di protesta verso l'amministrazione penitenziaria, questi ha prima distrutto un tavolo di legno, poi si e' scagliato contro gli agenti rompendo gli occhiali a uno di essi. Tre agenti, nel contenerlo e immobilizzarlo, hanno pero' riportato contusioni varie guaribili in sei giorni. A rendersi protagonista del secondo episodio di violenza nei confronti di altri due agenti, accaduto a distanza di pochi minuti, e' stato il fratello che, mentre si apprestava a uscire dalla cella per recarsi ai passeggi, dopo aver chiesto notizie di suo fratello, ha sferrato degli schiaffi e dei pugni al personale di servizio nel reparto. "E' del tutto evidente che la crescente tensione nelle carceri italiane sta raggiungendo limiti preoccupanti. Nonostante la dichiarazione d'emergenza del 13 gennaio scorso del governo, pero', stentano a vedersi interventi concreti per ridurre il pesante sovraffollamento e la violenza in carcere e' sempre all'ordine del giorno", lamenta il Sappe.

Fonte:  agi.it