www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 15/06/2014  -  stampato il 08/12/2016


Accorpamento Polizia Penitenziaria e Forestale bloccato dal Quirinale

Al Consiglio dei ministri di mercoledì qualche freno Matteo Renzi lo ha subito, ma in questo caso non ha potuto farci niente, visto che a rallentare la marcia sono stati i suoi ministri e anche il Quirinale. Non è andato tutto secondo i piani su vari fronti.

Il premier avrebbe visto di buon occhio un decreto omnibus. Un unico provvedimento per dare il segno di una strategia complessiva che comprende economia, tasse, riforma della Pa e rilancio dell'economia incentivando l'acquisto di auto. Anche a costo di mettere nella legge l'aumento di una delle tasse più impopolari, cioè il bollo. 

Ma non c'è solo l'auto. Un intervento diretto del Quirinale ha sventato l'accorpamento della Polizia Penitenziaria e della Guardia Forestale. In questo caso il premier ha obbedito, eliminando del tutto il progetto.

ilgiornale.it

Un provvedimento così tranciante, messo a punto dalla Funzione pubblica, sia pure nel solco delle proposte avanzate a suo tempo dal commissario alla spending review Carlo Cottarelli, avrebbe incontrato le perplessità, per usare un eufemismo, degli altri ministri interessati. Da Alfano, Orlando e Martina insomma non è arrivato il via libera. E così la parte relativa alle polizie è stata stralciata dal decreto.

La Stampa

Guarda il VIDEO - Polizia Penitenziaria: nessun accorpamento al Ministero dell'Interno, Renzi smentisce le voci