www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/06/2014  -  stampato il 10/12/2016


Yara, minacce e insulti per Bossetti in carcere

In carcere c'è un codice non scritto che mette sotto giudizio i detenuti accusati di abusi o violenze contro donne o bambini. A questo sta andando incontro Massimo Giuseppe Bossetti, il presunto assassino di Yara Gambirasio.

«Infame, la pagherai, ammazzati». Sono solo alcune delle minacce o degli insulti giunti al 44enne muratore di Mapello. L'uomo da ormai una settimana è in isolamento nel penitenziario di “Gleno”. Ciò non ha fermato gli altri detenuti che hanno scagliato il proprio sdegno nei suoi confronti.

Bossetti dice di temere non solo per se stesso, ma soprattutto per la sua famiglia, in particolare per la mamma Ester. Il presunto killer è comunque sotto stretta osservazione. Le forze dell'ordine temono un gesto estremo o il ripresentarsi del lieve malore che lo avrebbe colpito nei giorni scorsi.

ilmessaggero