www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 28/06/2014  -  stampato il 06/12/2016


La Amoddio in visita al carcere di Noto: "istituto modello per lavoro e formazione"

Nella giornata di ieri, l'onorevole Sofia Amoddio, deputato nazionale del Pd è andata in visita al al carcere di Noto, terminando così le ispezioni nei penitenziari della nostra provincia. “Non posso che ritenermi soddisfatta dalla gestione dell’istituto da parte del Direttore, Dott. Mortillaro e di tutto il personale penitenziario”.
Il carcere di Noto accoglie al momento 210 detenuti condannati in via definitiva e, nonostante le carenze croniche del sistema carcerario italiano, può essere definito un istituto modello. “In due sezioni è partita la sperimentazione delle sezioni aperte, che permette ai detenuti di muoversi liberamente durante il giorno all’interno della sezione”. “Dei circa 210 detenuti la metà lavora nella struttura. All’interno del carcere è in funzione una falegnameria che fabbrica mobili che vengono utilizzati da altre carceri italiane, inoltre, l’istituto possiede una officina meccanica e un reparto tessitura con 22 telai in legno utilizzati da 12 detenuti che confezionano lenzuola e federe per tutti gli istituti in Italia”.

“Nonostante le iniziative importanti come quella intraprese dal carcere di Noto – prosegue l’On. Amoddio - la situazione delle carceri italiane è comunque disastrosa, ma si comincia ad intravedersi qualche importante cambiamento legislativo”. “Una struttura come questa è sovrappopolata, dovrebbe ospitare 50 detenuti in meno e avere il 50% di Polizia Penitenziaria in più”. “A questo proposito, sento il dovere di dover ringraziare gli agenti della Polizia Penitenziaria che svolgono un ruolo delicatissimo e che prestano servizio con rigore nonostante gli straordinari”.

“Nel mese di settembre – conclude l’On Amoddio - come già promesso ai direttori delle carceri della provincia, tornerò negli istituti insieme al responsabile delle carceri del PD dott. Sandro Favi per affrontare insieme problematiche e soluzioni”.

siracusanews