www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/07/2014  -  stampato il 08/12/2016


Detenuto tenta evasione da ospedale e ferisce due Poliziotti penitenziari a Vercelli

Tenta di evadere dall'ospedale e durante colluttazione ferisce gli agenti. Protagonista un detenuto italiano che ha ancora due anni di carcere da scontare.

Ha chiesto e ottenuto una visita specialistica al Maria Adelaide ed è stato portato a Torino dai poliziotti penitenziari del Nucleo Traduzioni. Qui, nel breve tragitto dal cellulare alla sala d'aspetto, è scattato il tentativo di fuga. Nel tentativo di bloccarlo, alcuni agenti hanno riportato contusioni.
Un episodio che ha scatenato la dura presa di posizione del sindacato Sappe Donato Capece che punta il dito contro il decreto legge varato dal governo Renzi per risarcire i detenuti che hanno vissuto il problema del sovraffollamento delle celle. "Lo Stato - dice - taglia le risorse a favore della sicurezza e della Polizia Penitenziaria in particolare e poi prevede un indennizzo giornaliero (8 euro) per gli assassini, i ladri, i rapinatori, gli stupratori, i delinquenti che sono stati in celle sovraffollate".

Un appello al presidente della Repubblica e al parlamento perché la norma sia rivista: "A noi poliziotti non pagano da anni gli avanzamenti di carriera, le indennità, addirittura ci fanno pagare l'affitto per l'uso delle stanze in caserma e poi stanziano soldi per chi le leggi le ha infranto e le infrange".

La Stampa