www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/07/2014  -  stampato il 10/12/2016


Il Sappe chiede un’ispezione al Carcere di Isernia

Una ispezione ministeriale in carcere ad Isernia per verificare molte anomalie sull’organizzazione del lavoro del Personale di Polizia Penitenziaria.

A richiederla è il primo Sindacato dei poliziotti, il SAPPE, che ha interessato i vertici dell’Amministrazione Penitenziaria nazionale e regionale.

“Abbiamo segnalato al Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria di Roma e a quello interregionale Abruzzo e Molise di Pescara significative disfunzioni e inconvenienti che riflettono sulla sicurezza e sulla operatività - spiega Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria – della Casa Circondariale di Isernia e del personale di Polizia Penitenziaria che vi lavora con professionalità, abnegazione e umanità. In sostanza, non viene osservata la normativa contrattuale in materia di interpelli, di rotazione dei posti di servizio e di attività straordinaria. Il personale di Polizia addetto ai Reparti detentivi svolge servizio in sezione senza che vi siano alcuno sbarramento con la popolazione ristretta: non solo, in carcere mancano impianti tecnologici e i posti di servizio sono ordinariamente accorpati, con gravi pregiudizi per la sicurezza”.

primopianoisernia