www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 31/08/2014  -  stampato il 10/12/2016


I costi dell'operazione Mare Nostrum? Li pagano i Poliziotti...

“Appena 8 milioni di euro per automezzi, equipaggiamenti, manutenzione e impianti della Polizia di Stato. 2 milioni per gli stessi motivi ai Vigili del Fuoco, ancor meno per la Polizia Penitenziaria e neanche un euro per il Corpo forestale dello Stato.

Con 10 milioni di euro per tutto il 2014, stanziati per decreto, il Governo pensa di far fronte ai tagli e alle mancate assunzioni che hanno comportato solo quest’anno un taglio di un miliardo e mezzo di euro? Per altro, nello stesso decreto, la Polizia vede incrementare a 36 milioni le risorse nel 2015 e a 44 milioni per il 2016; analoga crescita per i vigili del fuoco, che passano a 4 milioni nel 2015 e a 6 l’anno successivo. Siccome i soldi servono oggi come domani, allo stesso modo, vuol dire che quest’anno si è tagliato, rinviando come sempre al futuro gli appostamenti maggiori, che potranno sempre essere rivisti in negativo.

Restano quindi validissime le motivazioni che hanno portato in piazza del Popolo lo scorso 27 agosto a Roma centinaia e centinaia di poliziotti, penitenziari, forestali, vigili del fuoco e che ci vedono ancora mobilitati su tutto il territorio nazionale”. 

E’ quanto afferma, in una nota, la Consulta Sicurezza, l’organismo maggioritario per numero di iscritti dei comparti sicurezza e soccorso pubblico costituito da Sap (Polizia di Stato), Sappe (Polizia Penitenziaria), Sapaf (Corpo Forestale) e Conapo (Vigli del Fuoco). “Aspettiamo risposte già dal prossimo Consiglio dei Ministri – dicono i segretari generali Gianni Tonelli, Donato Capece, Marco Moroni e Antonio brizzi -.

Analizzando ancora il testo del citato decreto, vengono fuori stanziamenti di oltre 50 milioni di euro per alimentare il fondo nazionale delle politiche e dei servizi di asilo e 62 milioni per gli sbarchi di migranti. Insomma, fanno pagare alle Forze dell’Ordine e ai Vigili del Fuoco il costo dell’operazione ‘Mare Nostrum’. E, appena qualche settimana fa sono stati stanziati milioni di euro per il risarcimento dei detenuti reclusi in celle inferiori ai tre metri quadri. Nel frattempo tagliano la sicurezza degli italiani. Noi non ci stiamo!”.

AGENPARL