www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/08/2010  -  stampato il 11/12/2016


Santa Maria Capua Vetere, sventato tentativo di evasione

 Aveva lamentato lo smarrimento delle lenzuola ma in realtà le aveva nascoste e poi annodate con l'obiettivo - è questo il sospetto - di mettere a segno un tentativo di evasione. La vicenda è avvenuta nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Protagonista un detenuto rumeno di 30 anni, in cella per una violenza sessuale consumata lo scorso anno a Roma. Il detenuto era alloggiato nell'infermeria del penitenziario (dove era rientrato dopo un ricovero in ospedale) perché aveva detto che non avrebbe più mangiato. Gli agenti della polizia penitenziaria, coordinati dal commissario Michele Fioretti, hanno eseguito una perquisizione ritrovando le lenzuola annodate per una lunghezza di 5 metri. Le lenzuola. che sarebbero servite per calarsi dal muro di cinta che sarebbe stato raggiunto durante l'ora d'aria, erano custodite in una cella che affaccia sul cortile, oltre il quale c'é il cantiere per la costruzione di un nuovo reparto dell'istituto penitenziario. Le indagini affidate alla sezione di polizia giudiziaria della penitenziaria, vanno avanti. La scorsa settimana, sempre gli uomini della penitenziaria, hanno ritrovato in una cella nel corso di una perquisizione un pezzo di ferro lavorato che molto probabilmente sarebbe servito per minacciare uno degli agenti.

Fonte: lunaset.it