www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 07/09/2014  -  stampato il 09/12/2016


Mezzo chilo di eroina nelle scarpe: Penitenziaria di Imperia la trova dopo arresto dei Carabinieri

Era stato arrestato poco prima dai carabinieri a Ventimiglia perchè trovato con sette etti di droga nella cavigliere. A insospettire il Comandante del carcere di Imperia Lucrezia Nicolò sono state le pesanti scarpe da trekking, troppo calde appunto da indossare in estate, soprattutto per un somalo abituato a ben altre calzature.

E difatti quando al detenuto Hamid Nabil, 26 anni, gli agenti penitenziari hanno ordinato di togliersi le scarpe, quest'ultimo ha cominciato ad agitarsi. All'interno delle scarpe, grazie a una sorta di doppia suola, lo straniero, che era stato arrestato qualche ora prima dai carabinieri a Ventimiglia perché nascondeva 7 etti di eroina nelle cavigliere, aveva oltre mezzo chilo di stupefacente. Eroina purissima, stando alle analisi fatte eseguire dall'Arpal.

È il più grosso quantitativo di eroina mai sequestrato all'interno di un penitenziario italiano, roba da far invidia anche alle super carceri Usa dove i controlli delle speciali squadre antinarcotici sono spietati. E così Hamid Nabil, sospettato di essere un corriere della droga che importa in Italia sostanza proibita destinata forse al mercato imperiese, ha ricevuto una seconda misura cautelare in carcere. Doppio arresto dunque, il che aggraverà la sua posizione.

La Stampa