www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 10/09/2014  -  stampato il 09/12/2016


"Sciopero" di tre ore dei Poliziotti: a Firenze 3 ore di stop il prossimo 23 settembre

Clamorosa iniziativa il 23 settembre: astensione dal lavoro per tre ore in tutti gli uffici della Polizia di Stato, della Polizia Penitenziaria, del Corpo Forestale e dei Vigili del Fuoco, con il personale che si autoconvocherà in assemblea sindacale permanente dalle ore 11 alle 14. Lo annunciano i sindacati autonomi Sap (Polizia di Stato), Sappe (Polizia Penitenziaria), Sapaf (Corpo Forestale) e Conapo (Vigili del Fuoco), riuniti nella Consulta Sicurezza.

I sindacati della Consulta Sicurezza invitano nuovamente il premier Renzi, domani, in piazza Montecitorio (dove sara’ presente il Camper legato all’iniziativa #piazzapermanente, che sta girando tutta l’Italia), a firmare la petizione per riformare la sicurezza e ridurre le Forze di Polizia. Il camper della Consulta Sicurezza sarà a Roma anche l’11 settembre e stazionerà a piazza del Popolo. Inoltre, sempre a Montecitorio, proseguirà fino al 26 settembre il presidio dei sindacati autonomi che preparano quella che definiscono una clamorosa iniziativa: l’astensione dal lavoro, appunto, per tre ore, durante le quali le divise si organizzeranno per donare il sangue all’insegna dello slogan ‘Ci tolgono il sangue e noi lo doniamo!’.

Siamo pronti a iniziative clamorose. La nostra battaglia per ottenere, in termini retributivi, quello che ci e’ stato tolto 4 anni fa con lo scellerato blocco stipendiale – spiegano i segretari generali Gianni Tonelli, Donato Capece, Marco Moroni e Antonio Brizzi – si unisce con la necessità di riformare l’apparato della sicurezza, dove oggi è opportuno accorpare polizie provinciali e regionali, razionalizzando le cinque a carattere nazionale, senza contare vigili del fuoco e guardia costiera e correlate strutture amministrative al seguito.

Secondo i leader della Consulta Sicurezza, pur salvaguardando professionalita’ ed esperienze insostituibili e preziose che i vari Corpi dello Stato hanno acquisito, bisogna semplificare l’apparato di sicurezza e ridurre gli sprechi, anche accorpando le burocrazie e i centri di spesa come nel caso del Dipartimento dei Vigili del Fuoco con quello della Pubblica Sicurezza. I risparmi delle riforme che proponiamo potrebbero essere importanti, almeno di due miliardi di euro l’anno. Soldi che potrebbero essere reinvestiti per dare piu’ sicurezza ai cittadini e per ridurre le tasse.

firenzepost.it