www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/09/2014  -  stampato il 08/12/2016


Nuovo scandalo nelle carceri di New York, spunta report censurato

Omessi casi di violenza e corruzione a Rikers Island (ASCA) – New York, 23 set 2014 – Ancora uno scandalo nelle carceri di New York. Un’indagine condotta dal dipartimento di Giustizia americano sta scoperchiando particolari sempre piu’ scomodi su casi di corruzione e violenza registrati nella prigione di Rikers Island.

In particolare, e’ appena emerso che il Department of Correction (l’organo che monitora i processi di incarcerazione dei cittadini, ndr) avrebbe modificato i contenuti di un rapporto poi finito nella mani degli investigatori, tagliando i passaggi che reclamavano la rimozione di due ufficiali ritenuti negligenti nel servizio di controllo e amministrazione dell’istituto penitenziario.

Le informazioni censurate includono centinaia di casi di violenza che non sarebbero stati ne’ frenati ne’ segnalati nelle statistiche ufficiali sulle condizioni di sicurezza del carcere. Il direttore della prigione, William Clemons, e il suo vice, sempre secondo il report, sarebbero venuti meno alle proprie responsabilita’ nel registrare gli scontri tra detenuti e avrebbero chiuso un occhio sui dati falsi forniti dal personale per nascondere la situazione reale del carcere.

Le promozioni ricevute da Clemons proprio a seguito del suo servizio a Rikers Island stanno alimentando polemiche sulla protezione fornita dagli istituti a chi assume atteggiamenti di connivenza con i casi di cattiva condotta e corruzione. A24-Aaa

 

internazionale