www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 09/10/2014  -  stampato il 05/12/2016


Il tribunale ha deciso, Provenzano resta in carcere

Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha respinto la richiesta di sospensione pena, per motivi di salute, per il capomafia Bernardo Provenzano. Il boss è infatti ricoverato in gravissime condizioni fisiche e mentali nel reparto detenuti dell'ospedale San Paolo del capoluogo lombardo. I giudici hanno respinto la richiesta degli arresti ospedalieri avanzata dagli avvocati difensori Rosalba Di Gregorio e Franco Marafà.

Secondo i medici dell'ospedale San Paolo di Milano il boss corleonese "presenta un grave stato di decadimento cognitivo, trascorre le giornate allettato alternando periodi di sonno a vigilanza. Raramente pronuncia parole di senso compiuto o compie atti elementari se stimolato. L'eloquio, quando presente, è assolutamente incomprensibile. Si ritiene incompatibile col regime carcerario".

 


siciliatoday