www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 20/10/2014  -  stampato il 03/12/2016


Ministro Orlando:"Chiudete il carcere di San Vittore"

Inaugurato il 7 luglio del 1879 come carcere panottico (cioè consistente in corpi di fabbrica disposti radialmente intorno a un elemento centrale in modo che sia possibile la vigilanza e il controllo dell’intero complesso), San Vittore negli ultimi decenni è stato al centro di polemiche per la sovrappopolazione. Nel 1992 si erano superati i 2.400 detenuti, oggi però sono meno di 900.

"Era un gran bel carcere, orgoglio dell’Italia quando fu costruito, perchè rispondeva a tutti gli standard carcerari dell’epoca, ma oggi è inadeguato", ha spiegato Luigi Pagano, storicodirettore per ben 16 anni dal 1989 al 2004 e ora vice capo del Dipartimento amministrazione penitenziaria, "Ai tempi dal centro bisognava controllare tutto e vigeva l’isolamento e perfino il silenzio notturno. I criteri della pena sono però cambiati completamente per quanto riguarda l’umanizzazione della detenzione e il reinserimento al lavoro e a San Vittore non ci sono spazi adeguati neanche per i colloqui. È un edificio anelastico, i muri sono larghi anche tre metri. Pure se i servizi sono adeguati e il personale è ottimo, la struttura è angusta. Da sempre ho espresso l’opinione che dovesse essere chiuso e non per motivi ideologici o politici ma tecnici. Basta andare a Opera, fuori Milano, o a Gallarate, nel Varesotto, per vedere la differenza".

 

ilgiornale