www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 31/10/2014  -  stampato il 06/12/2016


Processo Cucchi sentenza d’’appello: tutti assolti per insufficienza di prove

Tutti assolti per insufficienza di prove: i sei medici, tre infermieri e tre agenti della penitenziaria. E' questa la sentenza del processo d'appello per la morte di Stefano Cucchi, il geometra romano arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e deceduto una settimana dopo nell'ospedale Sandro Pertini di Roma. Inprimo grado furono condannati solo i medici per omicidio colposo. La sorella Ilaria è scoppiata in lacrime. "E' una sentenza assurda - ha ripetuto Rita Calore, mamma di Stefano - Mio figlio è morto dentro quattro mura della Stato che doveva proteggerlo". "Le persone ferite siamo noi e lo saremo per tutta la vita. Vogliamo la verità. Possono assolvere tutti ma io continuerò a chiedere allo Stato chi ha ucciso mio figlio. Così è stato ucciso tre volte", ha aggiungo papà Giovanni.

Assolti quindi il primario del reparto detenuti del 'Pertini', Aldo Fierro, i medici Stefania Corbi, Flaminia Bruno, Luigi De Marchis Preite e Silvia Di Carlo e Rosita Caponetti; gli infermieri Giuseppe Flauto, Elvira Martelli e Domenico Pepe; gli agenti della Penitenziaria Nicola Minichini, Corrado Santantonio e Antonio Domenici.

roma.repubblica.it

Poliziotti Penitenziari assolti in appello processo Cucchi, Sappe: Penitenziaria non ha nulla da nascondere