www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 06/11/2014  -  stampato il 08/12/2016


Arrestato Poliziotto penitenziario di Aosta per traffico di droga: era monitorato da tempo

Sorpreso con circa 60 grammi di cocaina, David Grosso, di 40 anni, di Aosta, agente di Polizia Penitenziaria al carcere di Brissogne (Aosta) è stato arrestato nel capoluogo valdostano dalla Squadra mobile della Questura di Aosta. L'arresto è avvenuto nell'ambito di un'indagine, condotta in collaborazione con la Polizia Penitenziaria, scaturita da una segnalazione di traffici illeciti di droga e schede telefoniche tra i detenuti della casa circondariale.

 "La droga non era destinata al carcere. Si tratta di un singolo episodio legato alle gravi difficoltà economiche in cui versa il mio assistito". Così l'avvocato Corrado Bellora, che difende l'assistente di Polizia Penitenziaria David Grosso, di 40 anni, di Aosta, arrestato con 60 grammi di cocaina in un'indagine scaturita su segnalazioni di traffici illeciti nella casa circondariale di Brissogne.

Incensurato, Grosso è molto conosciuto nel mondo del calcio valdostano.

Era "monitorato già da qualche tempo" l'assistente di Polizia Penitenziaria David Grosso, di 40 anni, di Aosta, arrestato dalla Squadra mobile martedì scorso con circa 50 grammi di cocaina. Lo ha detto il Questore di Aosta, Maurizio Celia. E' stato fermato vicino ad Aosta, su un suv Hyundai, mentre rientrava da Torino: lo stupefacente, diviso in quattro ovuli, era nascosto nel pannello di uno sportello del veicolo. Nell'attesa della decisione del gip è in carcere a Verbania.

Nell'interrogatorio di garanzia di stamane "ha risposto a tutte le domande del giudice", ha detto il suo avvocato, Corrado Bellora, che richiesto gli arresti domiciliari. Il pm Luca Ceccanti, che ha coordinato l'indagine, ha chiesto la custodia cautelare in carcere. La decisione del gip Maurizio D'Abrusco è attesa entro domattina.

ANSA