www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 18/11/2014  -  stampato il 04/12/2016


Attentato al Magistrato Pierpaolo Bruni pianificato in carcere: "soffiata" al Commissario di Polizia Penitenziaria

Le cosche della 'ndrangheta pianificavano un attentato nei confronti del sostituto procuratore distrettuale antimafia di Catanzaro Pierpaolo Bruni. Dietro la pianificazione dell’attentato ci sarebbe stato un accordo tra le cosche più potenti delle province di Crotone, Catanzaro, Vibo Valentia e Cosenza, che rientrano nell’area distrettuale su cui opera Bruni. A svelare le intenzioni dell’attentato sarebbe stato un detenuto di 'ndrangheta, che avrebbe partecipato in carcere a Cosenza ad una riunione tra alcuni esponenti dei clan. 

Secondo quanto riferisce l’Agi, le rivelazioni hanno fatto scattare uno stato di massima attenzione, anche perchè nelle parole del detenuto sarebbero stati evidenziati riscontri concreti con riferimenti reali a posti e luoghi frequentati da Bruni, al tragitto lungo la strada statale 107 compiuto dal magistrato e persino sulla composizione della scorta. Una strategia che sarebbe stata messa in piedi dalle cosche più potenti, dunque, e che non avrebbero digerito l’attività del magistrato. Nello specifico, i riscontri investigativi condurrebbero proprio vero l'attività del pm antimafia che, solo nell’ultimo anno, ha portato oltre dieci esponenti di spicco delle cosche a regime del 41 bis. 

Tra questi provvedimenti, l’ultimo, che risale a pochi giorni fa, riguarda il presunto boss della 'ndrangheta di Cosenza Adolfo D’Ambrosio, il quale è stato sottoposto al regime del 41 bis nel carcere dell’Aquila. D’Ambrosio è ritenuto dagli inquirenti il reggente della cosca della 'ndrangheta dei Lanzino che opera a Cosenza e nelle zone limitrofe. Proprio dopo la notifica di quel provvedimento, era stata incendiata l’autovettura di un poliziotto penitenziario che avrebbe partecipato alle operazioni di notifica. A questi provvedimenti si aggiungono diversi processi seguiti da Bruni contro le potenti cosche calabresi, tra i quali le condanne di appello nei confronti dei personaggi che sarebbero stati al centro della faida del Cosentino nel 2000. Questa serie di azioni avrebbero fatto alzare il livello di attenzione intorno al magistrato, al punto che la ricostruzione del nuovo attentato pare non abbia sorpreso gli inquirenti. 

L’attentato, stando a quanto ha riferito il detenuto, sarebbe dovuto avvenire lungo la strada statale 107 percorsa dal magistrato per recarsi a Cosenza in occasione delle udienze di processi contro esponenti della criminalità organizzata. Il detenuto ha riferito anche che il magistrato sarebbe stato pedinato per scoprire i suoi spostamenti abituali.

La relazione fatta dal funzionario della polizia penitenziaria è stata consegnata al Procuratore della Repubblica di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo, e sarà ora trasmessa alla Procura di Salerno, competente ad indagare sulle vicende che riguardano, in questo caso come vittima, i magistrati del Distretto di Catanzaro.

Il pm Bruni non è nuovo a intimidazioni e progetti di attentato da parte della 'ndrangheta. Da anni è in prima linea nella lotta contro la criminalità organizzata. A lui si devono numerose inchieste contro le cosche di Crotone, Vibo Valentia e Cosenza.