www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 03/12/2014  -  stampato il 04/12/2016


Tre poliziotti penitenziari distaccati presso Consiglio dei Ministri: Antonella Manzione non li vuole "restituire"

Ci sono anche tre Poliziotti penitenziari distaccati presso il dipartimento affari giuridici e legislativi guidato da Antonella Manzione (nella foto), ex capo dei vigili urbani di Firenze, braccio destro di Matteo Renzi tra le spese poco trasparenti del Governo Renzi e pubblicate oggi da Il Fatto Quotidiano.

Negli uffici della Manzione ci sono tre dipendenti del Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria).  Secondo una legge votata dal Parlamento quest’estate, i 22 agenti in servizio presso la presidenza del Consiglio avrebbero dovuto lasciare il posto e l’indennità per rientrare nei ranghi di appartenenza. Oggi, dopo tre mesi, gli agenti della Polizia Penitenziaria, nonostante sia stato ordinato il rientro, sono ancora negli uffici del Governo. Anche per volere del Capo del legislativo, Antonella Manzione. Ilfattoquotidiano.it ha potuto visionare una lettera riservata, indirizzata al Segretario generale Bonaretti, in cui si assiste al tentativo della Manzione di trattenere il personale del Dap in servizio presso i suoi uffici a Palazzo Chigi che, per legge, dovrebbero tornare alle dipendenze del ministero della Giustizia.

Il Fatto Quotidiano -  LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO