www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 21/05/2010  -  stampato il 04/12/2016


Sbriglia: puntare su carceri galleggianti e caserme dismesse per contrastare il sovraffollamento

Puntare su carceri galleggianti e caserme dismesse per contrastare il sovraffollamento degli istituti penitenziari in Italia: lo ha chiesto Enrico Sbriglia, segretario nazionale del Sindacato direttori penitenziari (Sidipe). A margine della cerimonia per il 193/mo anniversario della Polizia penitenziaria, oggi, a Trieste, Sbriglia ha detto che “si potrebbe prendere in considerazione la realizzazione di piattaforme galleggianti che, in 20 mesi, alleggerirebbero la pressione”, ha detto. “Si tratterebbe di strutture che al termine dell’emergenza penitenziaria – ha sottolineato Sbriglia – potrebbero essere riutilizzate, ad esempio, dalla Protezione civile”.

Fonte: woedpress.com