www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 27/01/2015  -  stampato il 07/12/2016


Hashish e telefonino nascosto nella mortadella

L’ultimo stratagemma scoperto dalla Polizia Penitenziaria del carcere di Bergamo per far arrivare a un detenuto tre panetti di hashish (50 grammi) e un telefonino.

Il «pacco dono» era destinato a un detenuto di origini calabresi, un venticinquenne residente nella nostra provincia, che si trova in carcere da un mese per furto aggravato. L’uomo è stato denunciato così come la compagna che gli ha portato i «generi di prima necessità»: si tratta di una ragazza di 25 anni residente nel Milanese.

I due salumi sono stati passati sotto i raggi X che hanno evidenziato, nel centro di entrambe le mortadelle, degli oggetti di colore diverso. È bastato aprirle a metà per scoprire il telefono e i tre panetti di hashish. Ma se anche non fossero stati passati ai raggi X sarebbero ugualmente stati scoperti: la procedura prevede infatti che questo genere di prodotto venga tagliato prima di essere consegnato al detenuto. Sicuramente, in questo caso, c’è stato anche l’aiuto delle abili mani di un macellaio.

ecodibergamo.it