www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 30/01/2015  -  stampato il 09/12/2016


Situazione critica al carcere di Fuorni, ma almeno si riuscirÓ a riparare il cancello del carcere

Sono sul piede di guerra gli agenti della Polizia Penitenziaria del carcere di Fuorni. Carenza d'organico e gestione del personale sono tra i principali problemi, che assieme all'assenza della manutenzione completano il quadro a tinte fosche del penitenziario.

Che, a fronte di una "capienza" di 270 persone, accoglie attualmente circa 450 detenuti. Il sovraffollamento non è coperto con il personale in dotazione, la pianta organica prevede 294 unità, ma ne sono in servizio solo 186. E, naturalmente, l'insufficienza di personale fa sì che gli stessi agenti siano sottoposti a turni massacranti. Perciò ieri mattina, per la prima volta, è stato convocato proprio all'interno dell'istituto di pena un incontro organizzato dal Sindacato autonomo Polizia Penitenziaria.

"Il 26 febbraio - ha spiegato Emilio Fattoriello, della segreteria nazionale del Sappe - ci incontreremo con il nuovo direttore Stefano Martone per proporre il nostro programma e chiedere dei correttivi. Qui, infatti, ereditati dalla gestione precedente, esistono molti problemi. Non c'è una programmazione del servizio e ciò comporta l'incertezza dei turni. E dobbiamo denunciare una disparità di trattamento tra il personale. C'è, infatti, chi ottiene immediatamente un congedo e chi, invece, pur avendo gravi motivi, deve tribolare per averlo. Inoltre chiederemo anche la rotazione degli incarichi considerati usuranti". Anche la situazione strutturale del penitenziario non è delle più felici. La direzione, infatti, è transennata, causa pericolo caduta cornicioni, e diversi locali, benché non idonei, vengono utilizzati dal personale. In tutto questo marasma c'è, comunque, una buona notizia: finalmente sono stati reperiti i fondi per riparare il cancello d'ingresso, fuori uso e sempre aperto da circa un mese.

La città di Salerno

Carcere di Fuorni con cancello aperto e recinzione divelta: Polizia Penitenziaria aumenta i turni di sorveglianza