www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 13/02/2015  -  stampato il 03/12/2016


Sovraffollamento carceri, Consolo: se Direttori hanno sbagliato i conti avvierò procedimenti disciplinari

Ieri sera abbiamo registrato un dato positivo che contiamo di stabilizzare: non abbiamo più nessun detenuto nei 202 istituti italiani ristretto in spazi di meno di tre metri quadri". È il dato riferito dal capo del Dipartimento amministrazione penitenziaria, Santi Consolo. "Alla capienza complessiva - ha aggiunto il ministro della Giustizia Orlando - abbiamo aggiunto circa 2.000 posti, spazi recuperati grazie al lavoro nelle strutture degli stessi detenuti".

"Il nostro obiettivo - ha sottolineato Consolo - è stabilizzare questo dato. Può accadere solo per passaggi di poche ore che qualcuno debba condividere la cella con altri detenuti scendendo sotto la soglia dei 3 metri quadri", spazio al di sotto del quale scatta il trattamento disumano e degradante censurato dalla Corte di Strasburgo. "Se riscontrassi situazioni non il linea, come ho spiegato ai direttori delle carceri, avvierò procedimenti disciplinari", ha aggiunto il capo del Dap.

ANSA