www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 06/03/2015  -  stampato il 05/12/2016


Altri due Poliziotti penitenziari coinvolti nello spaccio a Padova. perquisite anche due abitazioni di altri indagati

Non finisce di stupire con continui nuovi colpi di scena, l'inchiesta della procura di Padova, condotta dal pm Sergio Dini che, dallo scorso luglio, ha portato alla luce un traffico di droga e di telefonini all'interno del carcere Due Palazzi, culminata con 14 misure cautelari e l'arresto di 6 agenti e un avvocato. Mercoledì, la squadra Mobile euganea ha eseguito due misure cautelari nei confronti di altrettanti poliziotti penitenziari.

PERQUISIZIONI. Entrambi risultano indagati per corruzione e spaccio di stupefacenti. Per una delle due guardie sono scattati gli arresti domiciliari, mentre all'altra è stato notificato il divieto di dimora a Padova e provincia. Sono inoltre partite nuove perquisizioni, nei confronti di un alloggio di servizio e di un appartamento di proprietà di altri due agenti del carcere.

SUICIDI. Dopo i fatti dell'8 luglio, all'interno del Due Palazzi di Padova, si erano succeduti, a distanza di una settimana l'uno dall'altro, due suicidi, quello di una guardia penitenziaria e quello di un detenuto, entrambi coinvolti nell'inchiesta. Non solo, negli ultimi mesi si erano verificati ulteriori sequestri di cellulari e droga nelle celle.

padovaoggi.it

 

Vigilanza dinamica come un colabrodo: a Padova sequestrati telefoni, punteruolo e grappa artigianale

 

Prime confessioni del Poliziotto penitenziario, principale accusato nella corruzione del carcere di Padova