www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 11/03/2015  -  stampato il 05/12/2016


"Pisciaturi" non insulto: detenuto assolto, non ha offeso Poliziotti penitenziari che dovevano presentare querela

“Pisciaturo” non è un insulto. Un appellattvo poco carino.. quello sì. Ma non al punto di finire sul banco degli imputati per ingiurie o, com’è successo a Giovanni Pezzella, per oltraggio a pubblico ufficiale. Martedì scorso il giudice Claudia Colangelo ha formulato una sentenza di “non doversi procedere” nei confronti dell’uomo, difeso dall’avvocato Mauro Bianchetti, all’epoca detenuto presso il carcere di Ivrea ed attualmente detenuto in Provincia di Avellino per altra causa: non haravvisato la sussistenza del reato di oltraggio, procedibile d’ufficio, ma solo il reato di diffamazione, procedibile a querela che, in questo caso, mancava. I due agenti della Polizia Penitenziaria, su cui si erano riversate le imprecazioni in dialetto calabrese, infatti, avevano presentato una semplice denuncia.

“Siete tutti dei pisciaturi!“ aveva inveito Pezzella, quel giorno di cinque anni fa, preso dall’ira nel non vedere soddisfatta la propria richiesta di telefonare al proprio avvocato difensore. Il numero risultava errato, come aveva rilevato l’addetto all’ufficio colloqui R. D. M. Eppure il detenuto non aveva voluto sentir ragioni. “Sei l’ultimo arrivato -lo aveva aggredito -, non ne sai nulla. Io con te non ci parlo, non capisci niente”. Poi si era voltato vero i colleghi della matricola, tra cui Fabio B. e R. N., e con il referente al centralino A. S.: “ve la faccio pagare, denuncio voi e la direzione”. In particolare ce l’aveva con “il pelato“.

Le testimonianze avevano discordato sull’utilizzo dell’appellativo “pezzi di merda“. E N. sosteneva che P. non lo avesse utilizzato ma, aveva riferito di fronte al giudice, “ci ha chiamati pisciaturi che in campano, e lo so bene, significa ‘vasi da notte’, termine molto offensivo“. L‘avvocato Bianchetti ha proposto però di risalire al rigoroso significato di “piasciaturi”, concetto riferibile molto più semplicemente a qualcuno che “se la fa addosso”, che “non è capace”.

12alle12.it