www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 24/03/2015  -  stampato il 08/12/2016


Drone atterra dentro al carcere con droga, coltello e cellulare: intercettato dai poliziotti prima che arrivasse al detenuto

Le guardie della prigione di Bedford, nel Regno Unito, hanno intercettato un drone che era atterrato nel recinto del penitenziario e che trasportava un modesto quantitativo di droghe leggere, un cacciavite, un coltello e persino un telefono cellulare. L'intervento ha impedito che il detenuto destinatario del plico potesse entrarne in possesso.

La notizia, confermata dal ministero della Giustizia di Londra, getta un'ombra sulla sicurezza delle carceri del Regno Unito ma è anche una conferma dei pericoli legati all'uso dei droni, i piccoli dispositivi volanti che già la settimana scorsa avevano fatto scattare un allarme dopo che un uomo è stato incriminato per aver fatto volare un elicottero telecomandato sopra il Parlamento di Westminster.

Il ministero ha fatto sapere che si tratta della prima volta che un drone viene usato per una consegna illegale in una prigione. La polizia del Bedfordshire sta indagando e sono già state raccolte alcune testimonianze dei negozianti della zona, che hanno parlato di due uomini che da giorni stazionavano vicino al penitenziario in atteggiamento sospetto. Il carcere di Bedford ha avvertito che "il detenuto che dovesse risultare il destinatario di questi oggetti andrà incontro a duri provvedimenti".

AGI - www.telegraph.co.uk/news/uknews/law-and-order/