www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 07/04/2015  -  stampato il 08/12/2016


Materasso incendiato nel carcere di Verona: 11 Poliziotti intossicati di cui sette in camera iperbarica

Tredici persone sono rimaste intossicate nel carcere di Montorio: dei quali sarebbero undici agenti della Polizia Penitenziaria e due i detenuti. Gli intossicati sono stati poi trasportati in ospedale, alcuni a Borgo Trento e altri a Borgo Roma. 

Secondo le prime fonti si tratterebbe del risultato di una protesta scoppiata all'interno della casa circondariale intorno alle 12.30, che ha visto alcuni detenuti dare fuoco ad alcuni materassi e ad altro materiale presente nella rispettiva cella. Il fumo però si è successivamente diffuso all'interno di un'intera sezione carceraria. A quel punto le forze dell'ordine avrebbero fatto subito evacuare i circa 150 detenuti dell'area interessata ma proprio nell'operazione alcuni sarebbero rimasti intossicati.

Al centro della protesta la situazione del penitenziario, dove anche sabato si è verificata un'aggressione. Gli stessi sindacati della Polizia Penitenziaria denunciano da qualche tempo un ambiente teso all'interno della struttura. Giovanni Vona, responsabile del Sappe di Veneto e Trentino parla di una situazione che "che mette a dura prova il carcere di Verona. Anche sabato ci sono stati problemi con numerosi detenuti che si sono rifiutati di ritornare nei loro alloggi. Ora abbiamo tredici agenti ricoverati, di cui due sembra anche in condizioni piuttosto serie. Tutto questo trova le sue cause nei provvedimenti lasciati a metà e presi per cercare di sfollare le carceri. La sorveglianza dinamica non permette agli agenti di svolgere in sicurezza il proprio lavoro e i detenuti si possono così schierare contro di loro, magari pensando di essere vittime di ingiustizie, sfruttando tra l'altro l'assenza di veri deterrenti". 

Alcuni sono già stati dimessi, mentre otto (un detenuto e sette agenti della Polizia Penitenziaria) sono stati trattenuti nella camera iperbarica del Polo Confortini all'ospedale di Borgo Trento.

veronasera.it - tgverona.it