www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 29/08/2010  -  stampato il 05/12/2016


Terrorismo: aumenta la minaccia nelle carceri britanniche

La Gran Bretagna si trova a fronteggiare una crescente minaccia da parte dei terroristi detenuti nelle sue carceri. Lo afferma un rapporto del Royal United Services Institut (RUSI). Circa 800 ''radicali potenzialmente violenti'' potrebbero lasciare la prigione nei prossimi anni, dopo essere stati indottrinati dai jihadisti rinchiusi nelle carceri di massima sicurezza. Questi individui, molto motivati ma scarsamente addestrati, potrebbero essere spinti a organizzare attacchi in solitaria, invece che attentati coordinati su vasta scala.''Circa 800 estremisti potenzialmente violenti, che non sono stati condannati per terrorismo, potrebbero essere restituiti alla societa' nei prossimi 5-10 anni'', si legge nel rapporto. I funzionari delle prigioni ritengono che un detenuto musulmano su dieci venuto in contatto con i leader di al-Qaeda nelle carceri di massima sicurezza si trasformera' in un nuovo terrorista. Secondo la relazione del RUSI, i nuovi militanti che potrebbero attaccare la Gran Bretagna non avranno altro che ''una formazione base e poche risorse, cosa che aumentera' le difficolta' di polizia e servizi di intelligence per individuare e intercettare i terroristi''.

Fonte: asca.it