www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 22/05/2015  -  stampato il 10/12/2016


Otto anni di reclusione all’’ex Poliziotto penitenziario di Fuorni: era il "postino" dei clan mafiosi

Giovanni Arcaro, l'agente di Polizia Penitenziaria, che lavorava nel carcere di Fuorni, è stato condannato ad otto anni e 4 mesi. L'uomo, dopo un'attenta indagine, è stato ritenuto dagli inquirenti il postino dei clan.

Il giudice dell’udienza preliminare Sergio De Luca, che ha celebrato il rito abbreviato, ha condannato altre nove persone e tra queste alcuni esponenti di spicco della criminalità organizzata della zona, che imponevano il pizzo a commercianti ed imprenditori della Piana del Sele e di tutti i Picentini.

L'agente, in questo, diventava elemento importante, visto che materialmente portava all'esterno del carcere di Fuorni, dove lavorava, le lettere che poi venivano recapitate agli imprenditori locali.

Dunque, insieme a Giovanni Arcaro, il giudice De Luca ha condannato:Antonio De Feo a 13 anni di carcere; Giuseppe Capo a 13 anni e 4 mesi;Felice Carraturo a 6 anni; Leonilda Curti e Michele Oscar Cafarelli a 5 anni ciascuno; Raffaele Del Pizzo a 4 anni e 10 mesi; Giuseppe De Sioa 2 anni e 6 mesi così come Anna Iuliano e Lucia De Sio a 3 anni e 2 mesi. Assolto,invece, Rosario Di Biase, 26enne originario di Pontecagnano.

ottopagine.it