www.poliziapenitenziaria.it

Home Page> Articolo> Pubblicato il: 23/05/2015  -  stampato il 09/12/2016


DAP perde ancora il ricorso contro lo spostamento di Leoluca Bagarella verso un carcere pił dignitoso

Il Dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria perde di nuovo contro Leoluca Bagarella.

Leoluca Bagarella  deve essere trasfrito dal carcere di Badu 'e Carros in un altro carcere dove la struttura riservata ai detenuti con il duro regime del 41 bis sia vivibile. Questo in sintesi il parere dei giudici del tribunale di sorveglianza di Sassari che ha respinto il ricorso presentato dal Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) contro la decisione del tribunale di sorveglianza di Nuoro che aveva imposto il trasferimento del detenuto poiché non venivano rispettati i requisiti minimi per una carcerazione dignitosa.

Le avvocatesse Antonella Cuccureddu e Fabiana Gubitoso, che assistono Leoluca Bagarella, mafioso di Corleone, cognato del boss dei boss Totò Riina, avevano presentato un articolato esposto sostenendo che la sua detenzione era ai limiti della sopportazione umana per quanto riguarda i controolli 24 ore su 24 dei suoi movimenti nella cella con le telecamere e l'assenza di protezione per la "turca", il water sistemato al centro della gabbia proprio accanto al letto.

Leoluca Bagarella è ritenuto il responsabile di alcuni tra i più gravi fatti di sangue di Cosa Nostra, tra i quali la strage di Capaci.

Leoluca Bagarella presto in un altro carcere: Tribunale di sorveglianza impone una detenzione meno restrittiva

 

Regime 41-bis meno duro per Bagarella: il DAP si prende quindici giorni di tempo